INTELLIGENZE, Antonio Ferrara, Arianna Papini

Se i libri fossero organi, gli albi illustrati sarebbero cuori. “INTELLIGENZE”, sicuro, lo è.

Questo albo pare il centro esatto di un mondo attorno al quale tutto ruota, tutto parte, tutto torna. Delicatezza, bellezza, poesia. Mistero e chiarezza.

Mi son seduta vicino alla finestra, luce e calore, sulla seggiola dei bambini con il libro sulle ginocchia. Esperienza sensoriale. Carthusia di mani e di occhi, Carthusia di cuore. Polpastrelli scorrono lievi, sguardo dilata, cuore trabocca, scivola fuori. C’è qualcosa di lento, e muto, un ritmo denso e leggero, che scorre di pagina in pagina.

Nessuna bellezza è risparmiata qui dentro. Nessuna.

Il mistero misterioso degli albi illustrati è qualcosa di cui godere, non spiegare, non voler capire, incasellare, codificare. E’ un’esperienza delle più semplici e complesse. Per questo li puoi leggere e rileggere: ti portano loro, piano piano, pagina per pagina, volta per volta. La meta è interiore. Ognuno la sua, ogni volta diversa.

Per parlare di questo albo avrei bisogno di poter scrivere il profumo del pane, il vapore del tè, la dolcezza della lacrima, la curva della guancia, la tenerezza dei primi momenti, la profondità della notte, la delicatezza della ferita, il metallo del dolore. Ma queste meraviglie le sa scrivere, con cuore e ritmo incredibile, Antonio Ferrara. Non c’è bisogno di ripetere del suo, basta leggerlo, proprio dentro questo libro.

Arianna Papini è riuscita a comporre immagini e colori meravigliosi, ma anche suoni, sentimenti, silenzi.. e tutti quegli occhi… tutti quegli occhi ti guardano come nella pagina fuxia, sulle righe di Antonio. Quanta, quanta Bellezza…

Una

sinfonia.

E’ come quando abbracci una persona e lasci che l’abbraccio duri tutto il tempo necessario: a un certo punto, senti scambiarsi le molecole. Per questo, il libro scorre piano. Per lasciare tutto il tempo di essere improntati, abbracciati, carezzati, raggiunti dai sussurri. Andare verso il due. L’albo e te.

E’ un’esperienza caleidoscopica che mi fa rinascere gioia, calore, speranza. Energia vitale. Primavera estate autunno inverno, dentro il cuore disegnati col gessetto.

Fino a quando anche un solo adulto si fermerà a raccontare una storia in un albo illustrato, a darle immagini, parole, colori, forma, sguardo innamorato… fino ad allora, ci sarà Speranza.

Fatevi un Bellissimo,

Bellissimo regalo

*

“Carthusia di mani e di occhi, Carthusia di cuore

*

INTELLIGENZE, Antonio Ferrara, Arianna Papini, Carhusia

Il 24 Marzo 2020, a Bergamo in pieno epicentro covid e lock down, ho scritto delle nostre città vuote e legato ad esse la lettura video di INTELLIGENZE, visibile da profilo facebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: